AUTORIZZAZIONI E PERMESSI PER CASETTE E GARAGE BLOCKHAUS

casette di legno, casette italia

Le casette in legno blockhaus richiedono un terreno edificabile o no? Le casette ed i garage di legno sono beni mobili oppure no? Esiste una normativa nazionale unica oppure è il comune specifico che decide sulle autorizzazioni? E’ obbligatoria una piattaforma in cemento?

Ecco un esempio delle domande che più comunemente ci vengono poste al telefono. Vogliamo fare un po di chiarezza per aiutare tutti a capire come muoversi con le autorizzazione delle casette prefabbricate e dei garage prefabbricati in legno.

Box auto e le casette da giardino in legno sono generalmente associate nelle mente dei nostri clienti con la possibilità di costruire su terreni non propriamente edificabili oppure sono viste come prodotti dai prezzi chiaramente molto più bassi rispetto ai sistemi costruttivi in muratura tradizionale.

Come progettisti e costruttori di edifici in legno blockhouse e bioedilizia a basso consumo energetico, siamo interessato alle soluzioni blockhaus perche sono particolarmente efficienti energeticamente in quanto abbinano l’alta densità del legno (massiccio o lamellare) alla bassa densità di un cappotto termico (interno o esterno). Questo secondo elemento è indicato ad isolare la casetta durante l’inverno, mentre l’alta densità del legno isola la costruzione in estate ritardando l’onda termica esterna. Questa doppia caratteristica “ottimale” di isolamento termico non è presente nelle altre costruzioni in legno come  XLAM o TELAIO in quanto esse mirano ad utilizzare la minima quantità di legno, quindi non saranno ottimali durante le calure estive richiedendo un alto utilizzo di aria condizionata (questo errore di valutazione del mercato è dovuto alla popolarità del sistema KLIMAHOUSE trentino che ovviamente mira all’isolamento inverna e non necessita di capacità isolante in estate).

Gli edifici blockhouse  (bioedilizia in legno) sono salubri e confortevoli termo-acusticamente, in grado di minimizzare i consumi energetici, con costi di progettazione e costruze certi e bassi, con tempi di costruzione molto veloci.

Le case prefabbricate in legno e le casette blockhouse sopra generalmente i 15mq richiedono un terreno edificabile e le autorizzazioni comunali (sono i singoli comuni a stabilire le dimensioni massime che possono essere montate senza autorizzazioni). Invece i garage possono essere installati generalmente fino a 30mq senza autorizzazioni (sono i singoli comuni a stabilire le dimensioni massime che possono essere montate senza autorizzazioni). Quindi, è necessario il rispetto di tutte le normative in vigore, e vanno a sostituire in tutto e per tutto le costruzioni in laterocemento.

Le casette da giardino sono pensate e progettate anche per usi abitativi, in quanto il loro montaggio è veloce ma la loro solidità e durata e elevatissima: pensa alle baite di montagna in tronchi massicci blockhouse (sottolineo che le baite montane sono costruite con il sistema BLOCKHOUSE e non a TELAIO in quanto non sarebbero durate centinaia di anni ). Quindi non sono solo adatte e poco costose per l’impiego di magazzino in giardino, ricovero per attrezzi, spazi temporanei per il gioco o box per veicoli, ma permettono tranquillamente ed in mdo molto salubre di fare vivere persone al loro interno, 24 ore al giorno.

Queste tipologie costruttive blockhouse sono molto diffuse nelle zone di montagna, ma negli ultimi 20 anni si sono ampliamente diffuse nelle nostre città e campagne con l’utilizzo abitativo di chalet in legno, bungalow in legno, o semplice garden-office da giardino. Le prestazioni energetiche raggiungibili da questi involucri massicci possono risultare molto interessanti, soprattutto se affiancati da un cappottino interno o esterno. Invece, restano meno performanti le soluzioni in x-lam o intelaiate in quanto necessitano sempre un’elevata coibentazione termica.

 

Non tutti i Comuni prevedono una normativa esplicita all’interno dei propri regolamenti edilizi, il che non esenta dal presentare una formale richiesta autorizzativa, dato che a livello generale si deve comunque fare riferimento al D.P.R. n.380 del 6/6/2001 (Testo unico dell’edilizia) relativamente all’attività edilizia libera.

 

Per concludere, le autorizzazioni vanno richieste, anche in caso di evidente removibilità ed in assenza di fondazioni per tutte le casette di legno sopra i 15mq e per garage di legno sopra i 30mq. Le costruzioni più piccole posso andare “edilizia libera” quindi senza Permesso di Costruire. Consigliamo sempre di fare 2 cose importanti: 1) telefonare all’ufficio tecnico comunale, 2) affidarsi ad un tecnico locale di fiducia.

Aggiungi un commento

Inviando questo commento accetti la Privacy Policy Casette Italia che è GDPR-compliant e quindi acconsenti affinchè i tuoi dati siano siano salvati sul server per rendere disponibile il servizio di commenti. Potrai sempre cancellare tali dati inviando una email a gdpr@casette-italia.it.